"ACQUA CARA E SPORCA "

Oltre al danno la beffa: Dispotica lettera ai firmatari della petizione

Non si può restare indifferenti di fronte alle esibizioni di potere, forse anche ostentate, dell'Amministrazione comunale, su alcuni cittadini che hanno aderito alla petizione per l'acqua pubblica e sana e per avere bollette più leggere e legittime.

La strana lettera ricevuta da alcuni di loro mostra esattamente a quale deformazione della democrazia si siano spinti. Cittadini ignari che, per aver firmato la petizione, vengono quasi redarguiti da una missiva che rinfaccia il mancato pagamento dell'acqua (pare per l'ultimo anno di ruolo) pur non essendo gli unici a non aver pagato in quanto, per loro stessa ammissione, le partite impagate sono parecchie.

Il Sindaco di Fabrizia, considerando i problemi a senso unico, ha in buona sostanza tentato di dare uno smacco a qualche cittadino indifeso, provando a dare scacco matto ai promotori ed organizzatori della petizione. Certamente qualche freccia raggiunge il bersaglio, ma per la generalità dei casi invece ha solo reso più palese che a Fabrizia non si può parlare, ma soprattutto non si possono reclamare diritti.

Le autorità sopraordinate e indipendenti dovrebbero esaminare questo atteggiamento, in quanto non crediamo sia lecito mettere soggezione a chi avanza, con strumenti democratici, una legittima istanza civica. E' palese, infatti, che sul tema acqua potabile, nonostante tutto, si registra una sostanziale chiusura dell'Amministrazione comunale.

In realtà il tema della petizione si basa su presunte illegittimità riguardanti la tariffazione e soprattutto l'inidoneità della gestione Sorical dell'acqua potabile, e naturalmente non attiene al tema della riscossione dei tributi a ruolo, di competenza esclusiva dell'ente creditore.

Si rimarca, invece, il fatto che sono diversi i profili di illegittimità nella questione idrica. Oltre a quelle già evidenziate nel testo della petizione e non si strumentalizzi la morosità vi è anche la problematica delle tariffe deliberate ed applicate, che non hanno alcuna fondatezza né normativa, né di ragionevolezza. Sono tariffe lontane dalle regole stabilite e per di più, esageratamente gravose per gli utenti.

In conclusione, anziché usare tal solerzia per redarguire i cittadini che avanzano richieste democratiche, il Sindaco si adoperi più adeguatamente per risolvere i problemi della salute dei cittadini, provvedendo innanzitutto ad approvvigionarli di acqua potabile e sicura e ad applicare tariffe più giuste.

Maria Cirillo

 

22 giugno 2014

Contatore siti

SU

Ultime notizie

Dispotica lettera ai firmatari della petizione

Patrimonio Fabrizia vendesi

Petizione "acqua". Scarsa disponibilità dell'Amministrazione

Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo

Eletti al Parlamento europeo Circoscrizione Sud

Elezioni europee 2014: voti ai candidati

Elezioni europee 2014: voti di lista

Acqua ai veleni, no Alaco

Mongiana vota a maggio 2014

Vittime civili fabriziesi alla resistenza

Sindaco che non tollera opinioni

Assemblea Provinciale PD

Incontro informativo Acqua per vivere

L'Ufficio G.d P. di Serra San Bruno è salvo

Tasse locali: Fabrizia soffre una Tares da suicidio dell'economia

Associazione Crescere Insieme Fabrizia: articolo sul mancato pagamento corsisti

La politica del mini-compromesso

Primarie del Partito Democratico 2013

Massimo D'Alema a Vibo Valentia

Assemblea Provinciale del P.D.

A Mongiana studiosi ed esperti

Ferie d'estate, Fabrizia mia non t'ho mai dimenticata

Protesta per il lavoro, ordine pubblico in pericolo

Auguri alla maestra Gina Mannella che va in pensione

Francesco Daniele, ucciso per una manciata di euro

Graduatoria corso di formazione braccianti agricoli: Legalità violata

Le matriosche del Sindaco di Fabrizia

Fabrizia all'udienza generale di Papa Francesco

Assemblea provinciale dei precari LSU-LPU

Fabrizia: per una nuova Chiesa più vicina

Diagnostica pubblica calabrese, quanto ci costi!

Il sostegno a Papa Francesco, da Fabrizia con le Suore Francescane

Precarietà e disoccupazione: mostri della politica regionale

Strade sonquassate e con l'acqua sporca fino alla gola

Il giovane Demasi Giuseppe, vittima della Thyssenkrupp, nel cuore dei fabriziesi

Una marcia difficile: la volontà popolare chiede l'addio al porcellum e un sano ritorno alla buona politica

L'Onorevole Censore verso il Parlamento, le serre sperano

Meno Alaco e più acqua sicura

Gestione associata funzioni Fabrizia-Mongiana-Nardodipace

Arance sorridenti ed esseri umani non disumanizzati

I.C.Srrra S.Bruno: Progetto studenti per il rispetto dell'ambiente

Prosegue l'iter per la formazione del P.S.C. fabriziese

Politica e Democrazia - Percorso Fabriziese

Dissesto stradale: al via i rimedi?

C.C. - Giudice di Pace Serra San Bruno e Piano di Protezione Civile

EVENTI SOCIO-POLITICI

 

HOME PAGE

 

Torna a "Archivio Notizie"

 

www.vivifabrizia.it